#top chart: Le spiagge del Salento _ part 1

Perché iniziare questa sezione #top chart dal Salento?! Beh, innanzitutto perché per me VACANZE = MARE, SOLE, PAESAGGI MOZZAFIATO E… Beh, in poche parole nessuna destinazione migliore del “tacco d’Italia”… anzi, come dice Vinicio Capossela nel suo Ballo di San Vito…

“terra arsa e rossa
terra di sud, terra di sud
terra di confine
terra di dove finisce la terra”

Sarà che quest’anno, dall’alto della Scandinavia, mi mancherà moltissimo e che mi piacerebbe tornarci tutte le estati… per ritrovare quel mare, quella terra rossa, quelle distese di ulivi secolari e quello jentu che per una settimana sono stati nostri fedeli compagni di viaggio. Ed allora parliamo di spiagge, per lo meno di quelle in cui abbiamo avuto la possibilità di fermarci noi…e ricordando che, in realtà, tutto il litorale salentino, sia adriatico che jonico, offre luoghi meravigliosi senza soluzione di continuità.

NOTA BENE: questa classifica è stata stilata a due mani, eh sì Andrea ci ha messo lo zampino…scelte assolutamente condivise, anche se con qualche riserva!!!

#10 Maldive del Salento, Marina di Pescoluse – Salve (LE)

Diciamocelo, il nome è altamente evocativo… e forse carica di un po’ troppe aspettative. Certo la sabbia bianca c’è, il mare cristallino anche, ma più che su di una paradisiaca isola sperduta nell’Oceano, ci siamo sentiti nel tipico stabilimento balneare italiano, un tantino affollato e caotico. Sicuramente si può chiedere di più ai paesaggi unici ed affascinanti di questa terra.

#9 Torre Suda Beach, Torre Suda – Racale (LE)

Semplicemente un omaggio al mare davanti casa! Poco più a sud di Gallipoli, il litorale jonico si fa roccioso e ricco di scogli, che lasciano poco spazio alla spiaggia vera e propria. Nonostante ciò, merita sicuramente una visita per gli splendidi fondali e soprattutto le cosiddette bagnarole, dove la roccia erosa dalla pioggia crea delle vasche ed alti scogli da cui tuffarsi. Il mare è veramente limpido e caldo. Necessarie delle scarpette da mare per evitare ricci e le rocce appuntite!

#8 Baia dei Turchi, Otranto (LE)

L’ampio golfo che si apre sul mar Adriatico a nord di Otranto è una continua scoperta. Pima di tutto trovi la verde e fresca pineta, rifugio per il pranzo di chi non si vuole perdere nemmeno un minuto di questo stupendo mare. Poi piccole calette dove resiste strenuamente ancora un po’ di sabbia dorata, mentre tutto attorno dominano scogli e rocce erosi dal forte vento e dall’acqua, che ogni tanto crea come delle piscine e canali. Ed ancora un po’ più in là, la grande e comoda spiaggia bianca attorno ai Laghi Alimini, dove si affollano kite e wind-surf. Il mare è davvero di un azzurro incredibile ed in venticello, che non smette davvero mai di soffiare, rende il caldo sole d’agosto molto più piacevole. L’accesso alla spiaggia è reso, inoltre, più agevole dalla predisposizione di ampi parcheggi dal prezzo decisamente abbordabile… soprattutto se la macchina la si lascia al sole!

#7 Porto Badisco, Porto Badisco (LE)

Risalendo la costa adriatica, lungo la litoranea SP358 per Otranto, merita sicuramente una visita il minuscolo villaggio di pescatori di Porto Badisco, segnalato su tutte le guide anche  per la concreta possibilità di assaggiare qui i tanto pubblicizzati ricci crudi. Purtroppo la grande affluenza di turisti, fa sì che, già in tarda mattinata, tutti i ricci pescati siano tutti prenotati… nessun problema però, perché la sosta è sicuramente ripagata dalla bellezza delle insenature formatesi nella roccia e del mare di un blu molto intenso. Anche qui il vento è molto forte, ma piacevole. Il mare, invece, caldo e limpido è proprio quello che ci vuole nelle ore più calde della giornata. Parcheggio ricavato in un campo in prossimità della spiaggia economico e davvero molto comodo.

#6 Il Ciolo, Santa Maria di Leuca (LE)

Il grande fascino di questa spiaggia, o meglio insenatura rocciosa, deriva principalmente dal senso di sorpresa che la accompagna. Semplicemente inaspettato… durante il viaggio lungo il litorale adriatico, appena oltre Santa Maria di Leuca ecco un ponte panoramico e, proprio lì sotto, un mare limpidissimo e rocce a strapiombo dalle quali tentare un tuffo da brividi. Sicuramente molto affollato e più scomodo per la mancanza di parcheggio, noi abbiamo accostato sul ciglio della strada litoranea!, ma imperdibile. Portatevi assolutamente delle scarpette da mare e una maschera per esplorare i fondali e addirittura una grotta scavata alla base delle pareti rocciose che delimitano la caletta.

…la top five a prestissimo…

Annunci

Published by

Mariagiulia Bertali

Chi sono?! In realtà Mariagiulia, tutto attaccato (!), ma per semplicità e velocità Mery. 26 anni, laureata in architettura…Architetto in progress! Soprattutto, però, CURIOSA e APPASSIONATA di tutto quello che succede al di là del “paesello”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...