Salendo la “Scala dei Troll”…

Oggi torno a parlarvi del nord, più propriamente di Norvegia e di una delle località che avevo evidenziato con un bel circolino rosso prima di partire: la Trollstigvegen, ovvero “La scala dei Troll”.

Eh?!?! La scala di chi…?! Tranquilli, niente parchi a tema o strani ometti pelosi usciti direttamente da qualche film fantasy! 
Dovete sapere che la Norvegia e i Norvegesi hanno davvero l’occhio lungo e sono perfettamente consapevoli delle “frecce nel loro arco”: sanno benissimo che il loro punto forte è il paesaggio, la forza della natura e la meraviglia delle viste panoramiche.
Ed allora che fare?! Sapientemente nel corso degli ultimi decenni hanno dedicato tutta la loro attenzione alla valorizzazione del territorio attraverso l’istituzione di ben 18 “Strade Turistiche Nazionali” distribuite in tutto il Paese, ovvero degli itinerari particolarmente interessanti ed affascinanti sotto il punto di vista paesaggistico e naturalistico. E badate bene, lì al Nord quando fanno qualcosa la fanno davvero perbene: questi itinerari turistici non sono semplicemente delle strade a cui è stato affibbiato un nome accattivante ed “attira-turisti”… Il percorso di ognuna di queste strade è arricchito con aree di sosta collocate in corrispondenza dei punti panoramici imperdibili, perfettamente attrezzate per vari scopi: tavolini e sedute, servizi igienici, centri visitatori, bar e punti ristoro, pannelli informativi tradotti in più lingue, il tutto con uno stile architettonico originale e diverso per ogni situazione.
In più, visitando il sito ufficiale potrete trovare le schede descrittive di ogni singolo itinerario, dove oltre alle informazioni turistiche e generali vengono trasmessi tutti i dati necessari per poter pianificare il proprio viaggio e la propria esplorazione delle aree più indimenticabili di Norvegia!

Ed eccoci, quindi, alla Trollstigen, una delle “Strade Turistiche Nazionali” più famose anche al di fuori della Norvegia… era di questa primavera, infatti, un articolo di Repubblica che la annoverava tra le strade più pericolose al mondo!! Il tratto della “Scala dei Troll” viene ricompreso all’interno di un itinerario più lungo che comprende anche la strada che attraversa il meraviglioso Geirangerfjord; si snoda da Valldal, risalendo una sorta di passo di montagna fino al punto panoramico Trollstigen e poi discende nella valle fino ad Åndalsnes, all’imbocco del suo fiordo.
Il suo nome e la sua fama sono dovuti sostanzialmente al suo percorso, fatto di 11 tornanti piuttosto ripidi che si arrampicano sulle pendici di una meravigliosa valle ad U, sulla quale si affaccia il punto panoramico di Trollstigen. La strada ha, inoltre, anche un passato glorioso: fu infatti da sempre una sentiero di collegamento importante tra i centri di Valldal e Åndalsnes, fino al 1916 quando venne iniziata la costruzione della strada vera e propria.

Per esigenze di risalita verso nord, noi l’abbiamo percorsa proprio da Valldal, imboccando il percorso nelle prime ore del mattino, quando il sole non aveva ancora superato la cortina delle montagne ed una leggera nebbiolina avvolgeva ancora i campi di fragole (sì, in Norvegia si coltivano tantissime fragole!?) ed i ragazzini che infreddoliti aspettavano il pullman per la scuola.
Questo versante non vi lascerà sicuramente senza fiato: la strada procede regolare nella valle, lasciando via vai dietro di sé le ultime case ed inoltrandosi nel paesaggio incontaminato. Meritano sicuramente una sosta le terrazze panoramiche di Gudbrandsjuvet, costruite in acciaio corten direttamente a sbalzo sul salto della cascata che ha scavato strette gole nella roccia dalla quale vi affaccerete.

Procedendo in salita si giunge quindi a Trollstigen, il vero protagonista di questo itinerario. Vi troverete nel punto più alto della strada, in corrispondenza del passo che conduce alla valle di Åndalsnes; la moderna costruzione del centro visitatori si inserisce perfettamente nello scenario naturale ed i sentieri che si snodano nei prati vi condurranno a diretto contatto con questo paesaggio mozzafiato.

E quando dico a “diretto contatto” non sto esagerando… una volta raggiunte le piattaforme panoramiche realizzerete di essere letteralmente sospesi nel vuoto, al culmine di una parete rocciosa alta più di 200m dalla quale si tuffano nella valle due maestose cascate, ed in fondo alla quale le macchine che percorrono i tornanti della Trollstigvegen vi sembreranno delle formichine che arrancano verso la cima.

Dalla piattaforma principale, dove anche i parapetti sono in vetro per non togliere neanche un grammo di quella vertigine impossibile da non avvertire, il panorama è davvero incantevole. Lungo le pendici della montagna la strada si snoda nei famosi “gradini della Scala dei Troll”… che diciamocelo francamente, non sono per niente pericolosi né stretti! e sullo sfondo si presenta la larga valle illuminata dal sole, che quassù non è ancora arrivato!!
Ecco, se come noi ci capiterete la mattina portatevi un bel paraorecchie, perché qui il vento non manca ed è anche piuttosto freddo!

Annunci

Published by

Mariagiulia Bertali

Chi sono?! In realtà Mariagiulia, tutto attaccato (!), ma per semplicità e velocità Mery. 26 anni, laureata in architettura…Architetto in progress! Soprattutto, però, CURIOSA e APPASSIONATA di tutto quello che succede al di là del “paesello”.

4 thoughts on “Salendo la “Scala dei Troll”…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...