#todolist: Do you wanna roadtrip?

Continua la serie: cosa avete in mente per il prossimo viaggio?!
Dopo avervi consigliato due buone ragioni per avventurarvi in un “cammino” zaino in spalla, questa volta voglio stuzzicarvi con una delle “formule” di viaggio che più amo in assoluto: sua maestà “the roadtrip”!

In poche, pochissime parole: un viaggio on the road, “lungo la strada”, itinerante, scomposto in tappe e all’inseguimento di una meta finale, anche se poi, si sa, la vera meta è il percorso, il viaggio!
Devo dire di avere una discreta esperienza in fatto di roadtrip, semplicemente perché sono di gran lunga i miei viaggi preferiti -Giappone a parte;). Adoro viaggiare gustandomi gli spostamenti, spesso ai limiti della sopportazione fisica, guardando fuori da un finestrino e cercando di cogliere più aspetti e dettagli possibili: mi piace la Francia perché adoro le sue strade di campagna che profumano di fieno e d’estate; amo il nord Europa anche a causa di quelle distanze dilatate, silenziose ma piene di una natura invadente; vado pazza per le strade tortuose e spesso dissestate dell’Italia meridionale perché sanno di terra umida, olio e brezza di mare…
Potrei continuare per ore e penso che troverei qualcosa di buono anche nelle strade dritte e desolate della Polonia… in fondo:

non voltarti ti prego
nessun rimpianto per quello che è stato
che le stelle ti guidino sempre
e la strada ti porti lontano
La strada, Modena City Ramblers

 Vi ho convinto?!
Eccovi, allora, una bella lista di cose da fare e no se state per programmare un viaggio on the road.

  • valutate il mezzo di trasporto

    Potrà sembrare banale, lo so… ma di strade da percorrere è pieno il mondo, a voi sta la scelta su quale possa essere il modo migliore per intraprenderle!
    E la scelta non è così scontata, in quanto sebbene la maggior parte di roadtrip sarà perfetta se percorsa in auto, esistono percorsi adatti ad altri mezzi di trasporto, treno e autobus in testa ma perché scartare la bicicletta?!
    La vera essenza di un viaggio on the road è lo stretto contatto con la strada, il fatto che sia proprio “lo spostarsi” la parte più importante del viaggio stesso: ci saranno itinerari che si prestano molto all’utilizzo dei mezzi pubblici, che offrono anche la possibilità di avvicinare ancora di più le persone del luogo… mi viene in mente ad esempio la Transiberiana, da percorrere tassativamente in treno e sulle carrozze di classe più bassa, almeno in parte!

    Se poi la vostra scelta ricade sull’automobile, beh banalmente cercate di scegliere un veicolo il più possibile confortevole, soprattutto se avete pianificato spostamenti lunghi; nel caso in cui dobbiate ricorrere al noleggio le indicazioni sono fondamentalmente due:

    1.  affidatevi ad agenzie di noleggio di una certa rilevanza ed esperienza, possibilmente con servizi di assistenza in italiano. Mi sento di consigliarvi AutoEurope, dove troverete ottime offerte con le principali agenzie.
    2. scegliete sempre di proteggere il vostro noleggio con una copertura assicurativa che vi rimborsi la franchigia in caso di danno o furto dell’auto… vi assicuro che avrete un pensiero in meno durante il viaggio. Anche in questo AutoEurope vi verrà incontro con un ottimo servizio a prezzi davvero competitivi!
  • ITINERARI FLESSIBILI

    Chiaramente a questo punto dovete mettervi, cartina e guida alla mano, a scegliere l’itinerario del vostro on the road e spezzettarlo nelle tappe desiderate.
    Idealmente, una volta scelto il tema portante del vostro viaggio, ad esempio “viaggio a Capo Nord”, fissate alcuni punti imperdibili, quegli elementi/città/esperienze a cui non volete rinunciare, ad esempio visitare Bergen, vedere il Geirangerfjord, traghetto per le isole Lofoten, ecc…
    A questo punto buona parte del lavoro è già fatto: incrociate questi dati con il numero di giorni a disposizione e con una quantità umana di chilometri percorribili in un giorno ed ecco pronto il vostro roadtrip.

    Ma non finisce qui: per esperienza posso dirvi che gli itinerari migliori sono quelli che concedono un certo grado di flessibilità.
    Capiterà sempre di individuare sulla cartina, prima della partenza della tappa quotidiana, un’antichissima chiesa di legno sperduta oppure chissà quale altra diavoleria che stuzzicherà la vostra curiosità… e allora che fare?
    Se avrete organizzato un itinerario libero da troppi obblighi, tappe intermedie, must irrinunciabili, allora siete pronti a prendere una deviazione ed accogliere quello che di inaspettato il vostro on the road saprà regalarvi e che ricorderete sicuramente molto più di altre mete.

  • compagni di viaggio fidati

    A volte si rischia di sottovalutare l’aspetto “social” del viaggio… Nel caso in cui non partiate in solitaria, la scelta dei compagni di viaggio è fondamentale, soprattutto se prevedete di rimanere chiusi nello stesso angusto spazio -quello di un’automobile- per parecchie ore al giorno.
    Sarò un po’ banale alle orecchie di molti, probabilmente… ma personalmente considero una parte fondamentale di ogni viaggio la qualità del tempo e dei rapporti con le persone che partono con me. Di conseguenza, partite solo con chi sapete con certezza condivida la vostra stessa idea di roadtrip o vi ritroverete nel bel mezzo di una tappa di 700 km con l’atmosfera più pesante dell’universo proprio dentro la vostra macchina!
    Se possibile, pianificate insieme l’itinerario, gli spostamenti e soprattutto le distanze, cercando di conciliare gli interessi di tutti i partecipanti… e dotatevi di una bella scorta di pazienza, quella serve sempre, anche con il compagno di viaggio più fidato!

  • ATTENZIONE AI BAGAGLI

    E’ vero, vi state spostando in macchina e non avete il problema di trascinarvi dietro zaini o trolley super pesanti… ma non date troppo per scontato la preparazione dei bagagli!
    Innanzitutto considerate che in molti casi non partirete in auto direttamente, ma spesso dovrete ricorrere ad un primo spostamento in aereo e quindi rispettare le regole delle compagnie aeree di bagagli a mano e imbarcati. Inoltre tenete presente che le valigie dovrebbero stare nel bagagliaio della macchina che utilizzerete per il vostro roadtrip:  io non amo lasciare in bella vista borse e quant’altro sul sedile posteriore… ed il motivo è presto detto!

    Altra questione importante è cosa mettere dentro i vostri bagagli… Considerate che durante un viaggio on the road tendenzialmente cambierete alloggio ogni notte. Quindi via libera a valigie pratiche da spostare quotidianamente da macchina alla vostra stanza, a maggior ragione se opterete per sistemazioni alternative o avventurose come campeggi o case sugli alberi….
    Io amo abbinare i roadtrip con sistemazioni in appartamenti o bungalow dove ho a disposizione una cucina, anche basilare, visto che capita di ritrovarsi a dormine nel bel mezzo del nulla e doversi arrangiare per la cena. Di conseguenza valutate la possibilità di portarvi qualcosa per cucinare e/o sacchi a pelo, sempre comodi anche se vi capiterà di prevedere una notte in macchina!

  • schiscetta o…bento

    No, non sto cominciando a scrivere in una nuova strana lingua incomprensibile!
    Dicesi “schiscetta” -tipico termine lombardo- o “bento” -giapponese- quel contenitore perfetto per portarsi appresso il pranzo in situazioni in cui non si possa ricorrere a qualcosa di cucinato al momento.
    E come mai ve ne parlo ora?! Vi renderete presto conto che una delle principali problematiche legate ad un roadtrip è quella legata al pranzo o in generale ai pasti. Capita spesso che durante uno degli spostamenti quotidiani ci si trovi, quando la pancia comincia a brontolare per la fame, nel posto più lontano possibile da un qualsiasi ristorante/chiosco/bancarella di street food/ la qualunque possa offrirvi del cibo… ecco che allora vi verrà in soccorso la spesa che prudentemente avete fatto il giorno prima o la mattina e che con un po’ di fortuna potrete gustarvi su una panchina con vista oceano!
    Abituatevi ai panini, insalate, frutta, snack improvvisati e spesso anche colazioni con bicchierone di caffè americano preso alla pompa di benzina e torta del supermercato -tra l’altro, spesso ottima-! Ah, fondamentale la scorta d’acqua… vi salverà la vita!

  • playlist personalizzata

    Sì, ok… è vero che il bello di un roadtrip è il percorso, guardare fuori dal finestrino e tutto il resto, ma preparatevi anche a strade noiose, spostamenti eterni e meteo non particolarmente clemente.
    Quindi cosa fare per non morire di noi o ammazzare i vostri compagni di viaggio che avranno già cominciato a lamentarsi?! Non partite mai senza una playlist appositamente creata per il viaggio che state per intraprendere.
    Dedicate un po’ del vostro tempo pre-partenza per selezionare alcune tracce che possano allietare e fare da colonna sonora al vostro viaggio: io, in genere, amo includere un po’ di pezzi “da karaoke” che non potrò non cantare a squarciagola per buona parte del tempo, ma anche alcuni brani legati proprio al viaggio in questione… vi faccio degli esempi: on the road in Salento richiede necessariamente alcune “pizziche”, musica tradizionale che ben presto vi ritroverete a cantare pur senza nessuna conoscenza del dialetto salentino; per un roadtrip in Bretagna fatevi tentare dalla musica celtica locale; per la Norvegia… beh, in quel caso ripiegate su qualche classico blues della Luisiana!!
    Ah, Jhonny Cash per me è sempre un’ottima scelta 😉

 

 

Annunci

Published by

Mariagiulia Bertali

Chi sono?! In realtà Mariagiulia, tutto attaccato (!), ma per semplicità e velocità Mery. 26 anni, laureata in architettura…Architetto in progress! Soprattutto, però, CURIOSA e APPASSIONATA di tutto quello che succede al di là del “paesello”.

3 thoughts on “#todolist: Do you wanna roadtrip?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...