Anticipo d’estate… in Liguria

Metti un lunedì di “ponte”, una bella giornata di sole che profuma di anticipo di estate e un angolino di Liguria davvero indimenticabile quanto poco pubblicizzato.
Ci troviamo sul promontorio che divide Sestri Levante da Riva Trigoso, poco lontani da Genova e Portofino… la location ideale per un trekking semplicissimo, ma reso unico dalla fantastica vista su un mare dai colori che nulla hanno da invidiare ai Caraibi!

La meta è Punta Manara, proprio all’estremità del promontorio, dove ovunque ci si volti si può vedere solo il blu del mare ed il verde della macchia mediterranea alle nostre spalle. Il percorso per raggiungerla è davvero accessibile a tutti, partendo dalla via centrale di Sestri Levante oppure, come abbiamo fatto noi, con un sentiero ancora più panoramico che ha origine a fianco della chiesa di San Bartolomeo, sulla strada per Riva Trigoso, e sale tra le case della frazione “La Ginestra”.
Una volta raggiunta la “vetta” e goduto del sole, della vista incantevole e della pace di questo luogo, scendete a Sestri Levante, uno dei borghi più fiabeschi della Liguria orientale, reso ancora più suggestivo dalla meravigliosa “Baia del silenzio”, dove le case affondano i loro piedi direttamente nella sabbia della spiaggetta estremamente caratteristica.

Non voglio dilungarmi nella spiegazione dell’itinerario perché troverete delle indicazioni molto più precise su qualsiasi pubblicazione dedicata al tema trekking in Liguria, vi lascio invece una cartolina della nostra giornata…

ps.: Andrea per Natale mi ha regalato una fantastica GoPro e questo è il primo video che sono riuscita a confezionare per raccontare ancora un lato in più dei nostri viaggi… siate clementi, sono alle prime armi! E con ancora un po’ di pazienza potrete gustarvi anche il video del Giappone… ci sto mettendo una vita perché ci tengo proprio che sia carino!
Ah, come dicono quelli bravi, ricordatevi di selezionare la qualità migliore in HD…

Annunci

#ComfortPlace: i miei riti al “Mare”

Questo blog ha ormai oltre sette mesi di vita e mi rendo conto solo ora che vi ho parlato di molti viaggi, luoghi, persone e situazioni, tutti meravigliosi o perlomeno significativi… ma non ancora di un posto davvero speciale per me: quella che io considero il “comfort place“, consideriamolo l’equivalente del comfort food, il luogo nel mondo in cui più mi sento a casa e che è in grado di prendersi cura della mia anima. Continue reading “#ComfortPlace: i miei riti al “Mare””