#top chart: “Strade Turistiche Nazionali” in Norvegia

Sarà la primavera che comincia a farsi strada in modo insistente in queste giornate di aprile e quella spiacevole sensazione di non poter fare immediatamente le valigie per partire alla volta di chissà quale itinerario o meraviglioso angolo di mondo… ma in questi ultimi giorni sono letteralmente assalita da quello che definirei “mal di Norvegia… Continue reading “#top chart: “Strade Turistiche Nazionali” in Norvegia”

3 scatti per #BeNordic16

Ci sono luoghi, culture, tradizioni che riescono a scardinare tutte le porte delle emozioni, non saprei spiegare per quale motivo, ma è così… Capita di trovarsi in un posto nel mondo che all’improvviso diventa la propria seconda casa, dove ci si sente realmente a proprio agio e che poi, nel momento di lasciarlo, lascia strascichi di nostalgia, sospiri e la sensazione di aver creato un vero legame indissolubile.
Il più famoso è sicuramente il “mal d’Africa”, ma per me il richiamo più forte per ora è sicuramente quello del Nord! Continue reading “3 scatti per #BeNordic16”

#to do list: Norvegia

LISTA SEMISERIA DI 10 COSE DA FARE ASSOLUTAMENTE E … DA EVITARE COME LA PESTE DURANTE UN VIAGGIO IN NORVEGIA!

Programmare un viaggio in Scandinavia e soprattutto in Norvegia è un’esperienza straordinaria… Vi renderete presto conto che l’unicità di questo territorio vi offrirà delle occasioni incredibili per provare esperienze che difficilmente potrete ripetere; a volte, poi, ci si mettono anche i Norvegesi, che diciamocelo, sono davvero strani!

Continue reading “#to do list: Norvegia”

20. Dicembre _ Natale al Nord…

Vi ho mai parlato della Norvegia?!
Ho il vago sentore di aver già spifferato qualcosa a proposito di questo Paese… giusto quelle due o tre informazioni e impressioni post corsa verso Capo Nord di quest’estate. E credo che sia anche emerso il mio amore per alcuni luoghi e caratteristiche, come i fiordi e le Isole Lofoten…

C’è poi un’intera area della Norvegia che secondo me è letteralmente il luogo ideale per trascorrere le feste di Natale, grazie all’atmosfera da vero e proprio profondo Nord… sto parlando della Norvegia del Nord, o Northern Norway, composta da alcune regioni come il Nordland, il Troms -la regione di Tromsø- e il Finnmark, la più settentrionale terra norvegese, dove si trova niente po’ po’ di meno che Capo Nord.

La prima associazione che viene in mente pensando a queste regioni situate oltre il Circolo Polare Artico sarà sicuramente per molti il fenomeno unico dell’aurora boreale, di cui vi ho tra l’altro già parlato qui… ma, come ci ricorda il portale del turismo norvegese VisitNorway con l’hastag #Nonsoloaurora, la Norvegia ha anche molto altro da offrire in questo periodo invernale…

Innanzitutto le regioni settentrionali, che durante l’inverno sono coperte da una romanticissima coltre di neve, sono ricche di cittadine e realtà urbane molto interessanti.
Come vi ho raccontato le isole Lofoten rappresentano quasi in ecosistema a sé, ricco di possibilità ed esperienze diverse. Dalla visita dei principale centri come Reine, Svolvær  e molti altri, alle varie attività come le escursioni in gommone nel Trollfjiord, le uscite di pesca con i pescatori locali, la possibilità di sciare sulle montagne delle isole, ma anche molti musei sulla storia e le tradizioni vichinghe.

Oltre a queste isole una tappa assolutamente imperdibile è la città norvegese più settentrionale, Tromsø, che si trova nella sua parte storica interamente costruita su un’isola collegata alla terraferma tramite un ponte. Si tratta di un centro urbano di dimensioni comunque contenute, ma dalla grande vitalità ed identità.
Il centro è davvero delizioso ed arricchito da molti locali e ristoranti dove assaggiare la cucina locale; la città offre anche la possibilità di visitare un museo interamente dedicato all’Artico, il Museo Polare, mentre chi è interessato al fenomeno dell’aurora boreale non potrà farsi mancare una visita a Polaria e al più grande planetario di Norvegia.

La regione di Tromsø è, inoltre, particolarmente adatta anche per chi cerca un’avventura nella natura. Una vasta scelta di tour ed escursioni con slitte trainate da cani o addirittura renne, ciaspolate, ma anche safari alla ricerca delle meravigliose balene nel freddissimo Mare di Norvegia aspetta chi vuole immergersi nel paesaggio norvegese; mentre per chi cerca un’esperienza più soft a poca distanza dal capoluogo si trova il Polar Park Arctic Wildlife Centre, a Bardu, per cercare di avvistare lupi, orsi, linci, volpi artiche, alci, renne e chi più ne ha più ne metta… che lì vivono in semilibertà.

Spingendosi sempre più a nord, le terre desolate del Finnmark lasceranno sempre meno spazio agli insediamenti urbani, ma ammirare gli altopiani completamente spogli e coperti di neve deve essere sicuramente uno spettacolo unico. Capo Nord anche d’inverno riserva molte possibilità, dalle escursioni in slitta ai safari per la pesca del granchio reale nel Mar di Barents, la scoperta delle comunità sami, fino ad esperienze più estreme come soggiornare nell’hotel di ghiaccio più settentrionale ad Alta!

Insomma, c’è solo l’imbarazzo della scelta… e per scoprire quale può essere l’itinerario su misura per voi non vi resta che fare un questo semplicissimo test a cura di Visit Norway… che personaggio artico siete?!


Le immagini sono state tratte da internet e pertanto considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email, saranno immediatamente rimosse.

12. Dicembre _ Luci magiche

 Tempo di Avvento, atmosfera magica, campanellini e canzoni di Natale nell’aria… quale periodo dell’anno migliore per concedersi il privilegio di assistere ad uno degli eventi atmosferici più sorprendenti in natura?!
Sto parlando niente po’ po’ di meno che… dell’Aurora Boreale! Non trovate anche voi che sarebbe uno dei regali migliori al mondo per celebrare questo Natale??

A detta di chi ha avuto la fortuna di assistervi, l’Aurora Boreale rappresenta il massimo della meraviglia, una di quelle cose che ti lascia completamente senza parole e probabilmente anche senza pensieri… lì, con la bocca spalancata, le orecchie e la punta del naso congelati e gli occhi pieni di stupore!
Credo che questo sia dovuto al fatto che quando è la natura a stupirci con un evento straordinario, noi piccoli abitanti della Terra ci rendiamo conto di non aver nessunissimo controllo sulla forza naturale e questo genera quello che i Romantici chiamavano senso del sublime, meraviglia e fascino intrisi però anche di terrore e paura… un po’ come quando sulle montagne russe ci rimane “indietro” il fiato!

Con Aurora Boreale si intende quel fenomeno ottico unico, tipicamente invernale, che si verifica quando le particelle luminose “solari” entrano in contatto con la ionosfera terrestre: quando ciò accade, nel cielo si materializzano delle bande luminose dai colori e dalle forme mutevoli… insomma, sembra proprio che nel cielo danzino degli spiriti iridescenti e luminosi! Il fatto che sia osservabile per lo più nei territori prossimi ai Poli terrestri è dovuto alla conformazione geometrica del campo magnetico terrestre, mentre il colore indica il tipo e la quantità di gas presenti nell’atmosfera: il verde dall’ossigeno, ad esempio, e il blu dall’azoto.
Una cosa che assolutamente non sapevo è che le aurore si manifestano in un ciclo di 11 anni e adesso siamo proprio in una fase di alta attività… ecco che forse mi spiego perché quest’estate, ad agosto, mentre aspettavo il traghetto per le isole Lofoten in Norvegia, ci siamo tutti bloccati con il naso all’insù per scrutare il cielo che all’improvviso sembrava essere striato da fasci luminosi, molto deboli ma qualcosa c’era… e già così è stata un’emozione unica!!

Quindi, se anche voi ne siete affascinati direi che è il momento ideale per prendere in considerazione un viaggetto nell’estremo nord “alla caccia” dell’Aurora Boreale perfetta… Skyscanner propone 6 posti ideali per poterla apprezzare, chiaramente si trovano tutti nel Nord Europa, prevalentemente in Scandinavia, con qualche eccezione come le regioni più settentrionali del Canada e la ben più “meridionale” Scozia.

Aurora Boreale in Islanda
Aurora Boreale in Canada

Io, a questo elenco penso di dover aggiungere almeno una destinazione: le Isole Lofoten appunto!
Immaginatevi un “gruzzolo” di isolotti rocciosi, con montagne impervie e dalle pareti a strapiombo nel mare, piccoli villaggi di pescatori dalle casette rosse e bianche, distese di tralicci in legno per l’essiccazione del merluzzo, spiagge dalla sabbia bianca e… nient’altro! Un vero e proprio paradiso rimasto ancora ai margini della bolgia della grandi città e della foga turistica: il posto ideale per gustarsi lo spettacolo naturale dell’Aurora Boreale.
Già in estate il fascino di queste isole è stato enorme, il mio sogno da allora è quello di trovare prima o poi una Hytte, tipica casetta in legno dei pescatori norvegesi, in uno dei villaggi delle Lofoten, tipo Reine o Å-i-Lofoten, avvolgermi in una bella coperta calda di lana, armata di tazza di thé fumante, e mettermi alla finestra in attesa della danza di luci nel cielo…

L’Aurora Boreale alle Lofoten